Crisi Contratto Tempo Indeterminato e Co.Co.Pro

Post on 27 Maggio 2013
by Avv. Nicola Ferrante
in blog

Crisi Contratto Tempo Indeterminato e Co.Co.Pro

Giù i contratti a tempo indeterminati e i co.co.pro, stabili quelli a termine e i lavoratori autonomi.E' questa, per il bollettino di Bankitalia, la tendenza nell'ultimo trimestre 2012. Sono stati 157mila in meno, infatti, i lavoratori a tempo indeterminato (-1%) e 20mila in meno quelli con contratto a termine (-4,8%). Invariati i lavoratori autonomi e a termine.

Gli andamenti osservati nei primi mesi del 2013 indicano il protrarsi della debolezza del quadro occupazionale. Bankitalia, alla luce di un aumento della Cig del 12% nei primi 3 mesi dell'anno, nonostante il blocco della cassa in deroga, sottolinea che le prospettive del mercato del lavoro "restano sfavorevoli". Il numero di occupati, infatti, è diminuito nel Nord e nel Mezzogiorno, mentre è rimasto sostanzialmente stabile nel Centro. Quella femminile, invece, ha continuato a crescere "esclusivamente grazie al contributo delle donne straniere".

Nella media del 2012 l'occupazione si è ridotta dello 0,3% rispetto al 2011 (-69.000 unità) , si legge nel bollettino Bankitalia, segnando un progressivo deterioramento nella seconda metà dell'anno, mentre l'offerta di lavoro è cresciuta in maniera sostenuta (2,3%, 567.000 unità). "Ne è derivato un marcato aumento del tasso di disoccupazione che, al netto dei fattori stagionali, è giunto all'11,2% a dicembre (al 10,7% nella media dell'anno, dall'8,4 del 2011)", dice ancora palazzo Kock.

Contatto diretto

Contatto diretto

Scrivi la tua richiesta cercando di fornire più dettagli possibili

L'invio di questo modulo, implica il consenso al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy.

 

Come il 90% dei siti web, utilizziamo i cookie per aiutarci a migliorare il sito e per darti una migliore esperienza di navigazione.
La direttiva UE ci impone di farlo notare, ecco il perché di questo fastidioso pop-up. Privacy policy