False Fatture per Consulenza in Assenza di Accordo Scritto

Post on 17 Marzo 2013
by Avv. Nicola Ferrante
in blog

Con l’ordinanza 12 marzo 2013, n. 6203, la Corte di Cassazione ha ritenuto che legittimamente l’Amministrazione finanziaria possa ritenere  falsa una generica fattura per consulenza e negare, pertanto, la detrazione dell’IVA,  in assenza di un contratto scritto con il professionista. In particolare, è stato affermato dal Supremo Collegio che, nel caso in cui gli elementi riportati sulla fattura siano vaghi, scaturiscono delle presunzioni semplici in favore dell’Agenzia, con conseguente onere della prova a carico del contribuente. Il contribuente, per ottenere legittimamente la detrazione, deve dimostrare l’esistenza di un effettivo contratto di consulenza scritto con un professionista o con un’impresa.

Contatto diretto

Contatto diretto

Scrivi la tua richiesta cercando di fornire più dettagli possibili

L'invio di questo modulo, implica il consenso al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy.

 

Come il 90% dei siti web, utilizziamo i cookie per aiutarci a migliorare il sito e per darti una migliore esperienza di navigazione.
La direttiva UE ci impone di farlo notare, ecco il perché di questo fastidioso pop-up. Privacy policy